lunedì 6 dicembre 2010

Paese che vai


Tutte le cucine si assomigliano eppure tutti i sapori sono unici, perchè si impregnano di noi, dei nostri riti e dei nostri ricordi. Anche recenti, come i maritozzi che aspetto di mangiare al mattino quando vengo qui. Che già andarli a prendere attraversando la piazza del paese è una piccola festa. Poi li annuso, e sanno di uova, di lievito e di sveglia con comodo. Li apro in due, li riempio di panna ed eccolo, il Paradiso in terra.
Quanto sono grandi le cose che ci sembrano piccole.

4 commenti:

  1. Meraviglia. Che bello che sei felice.

    RispondiElimina
  2. Che bello che te ne accorgi.

    RispondiElimina
  3. Che bello leggervi in sequenza.

    RispondiElimina
  4. Che bello, la mia coppia di lettrici preferite.

    RispondiElimina