lunedì 21 novembre 2011

Dieci!

Come i comandamenti, come le dita delle mani, come gli anni del mio primo vero amore. Come il voto che oggi la mia figlioccia prende in greco. E che dopo la pelle d'oca, l'emozione e la devastante reazione di entusiasmo che mi assimila a un tacchino con relativi bargigli mi fa riflettere sul senso profondo di un risultato formale. E mi accorgo che quest'orgoglio così forte che quasi brucia è solo la punta della smisurata tenerezza che provo per questa cucciola che fa cose da donna e sorride come una bambina, decide i suoi obiettivi e, da sola, li raggiunge.
E il tempo che passa non lo misuro sull'orologio, ma sulle orme che i suoi passi leggeri disegnano sul mondo.

8 commenti:

  1. Le parole che dedichi ai tuoi amori mi fanno sempre l'effetto di una pioggia di fiori, o di un posto magico che vedi per la prima volta. Bocca aperta e la sensazione di essere parte di un mondo finalmente bello e sensato.

    RispondiElimina
  2. una pioggia di fiori. mai sentita una cosa più bella. grazie Calzino

    RispondiElimina
  3. grazie giovy, passa quando vuoi.

    RispondiElimina
  4. avevo seguito il primo scambio di coccole e congratulazioni via Faccialibro, ed ero certa di ritrovarne le tracce qui, "a casa tua"...
    ...ora che, come sai, da FB sono in fuga, passerò più spesso a trovarti di qua.
    Almeno qui non rischio di venirmi a cercxare cose e persone che mi fanno soffrire.
    Qui, per mia fortuna (e non solo mia), si respira un'aria diversa.
    Complimenti grandi al cucciolo di donna, loro riescono a stupirci sempre. E a farsi stimare più dei grandi.

    RispondiElimina
  5. grazie maria pia. ci stupiscono, si fanno stimare e ci insegnano. in quanto all'astensione da fb approvo incondizionatamente. le case dove sei benvenuta, in rete, non ti mancano di certo.

    RispondiElimina
  6. in un momento come questo, in cui c'è chi mi sta infliggendo un silenzio che mi sta uccidendo, me ne basta una, in cui sapere di essere benvenuta. Senza condizioni. Grazie, Gio.

    RispondiElimina
  7. mi dispiace per questa tuo disagio inflitto da terzi. io ho la fortuna di essere devastata dall'orgoglio, il mio motto è chi non mi ama non mi merita, e chi non mi parla si spari. però capisco,
    rispetto e ammiro la tua sensibilità.
    ma gli inutili si dimenticano in fretta, vedrai

    RispondiElimina