martedì 21 giugno 2011

Le forme dei pensieri

Da qualche tempo i miei pensieri sono diventati aguzzi, e pungono. In attesa di una soluzione che mi aiuti a smussarli mi consolo con lamponi, sorbetto al mango e gelato al pistacchio.
Sapori rotondi che accompagno allo sguardo su questo fiore, dono virtuale dell'Innominabile, che me l'ha mandato lasciandolo lì, a fioreggiare nel posto più bello del mondo, inconsapevole della sua perfezione e del suo privilegio.

7 commenti:

  1. Che strano, non mi ero mai fatta questa domanda:che cosafaun fiore?
    ...Fioreggia!
    Sei un genio
    Pia

    RispondiElimina
  2. guarda che se continui così mi monto la testa!
    buon solstizio, stasera luce fino a tardi

    RispondiElimina
  3. fioreggia, fioreggiare.

    lo faccio mio, nell'attesa che le punte dei tuoi pensieri diventino petali.

    RispondiElimina
  4. e io ti aspetto qui in un caldo week end di luglio, caro e fioreggiante calzino

    RispondiElimina
  5. Comunque, riguardo ai lamponi, con me sfondi una porta aperta...

    RispondiElimina
  6. E' una brutta serata.
    Brutta per me, intendo.
    Ma poi mi sono ricordata del solstizio, e mi sono regalata un momento solo per me, sul terrazzo a guardare il cielo. Alle dieci passate c'era ancora un po' di luce...
    Sì, quello è stato bello. Grazie.
    Pia

    RispondiElimina
  7. una sera di luce in una città di mare. esiste un privilegio più grande?

    RispondiElimina